Differenza tra un olio essenziale e un oleolita spagirico

Le piante sono ricche di oli essenziali, che vengono estratti tramite distillazione, per cui all’interno dell’essenza troviamo ancora componenti come mercurio, zolfo e sale che possono dare controindicazioni: questa è una delle motivazioni per cui alcune persone risultano allergiche, come sono allergiche ad alcuni profumi. Nell’oleolita spagirico la preparazione avviene con macerazione della pianta in olio di ricino spremuto a freddo, lasciandolo esposto al sole estivo per circa 90 giorni e coperto alla notte con un telo di lino nero. Dopo di che la pianta viene torchiata o spremuta e messa in ciotole di materiale refrattario per essere “calcinata” – bruciata, la polvere bianca ottenuta viene poi messa in forno e ridotta in sale (passaggio più difficile, il risultato sta nell’esperienza dell’alchimista). Il sale ottenuto si versa nell’olio di ricino dove la pianta è stata macerata. Dopodiché si procede a filtrare il tutto e a diluire. Questa tecnica è antica di 4000 anni, usata largamente nell’antico Egitto e menzionata nei papiri medicali. La prerogativa di un oleolita è quella di funzionare con pochissime gocce

Non ti resta che provare…! Sul portale Responsabilities puoi acquistare gli oleoliti di Neter.

Un pensiero su “Differenza tra un olio essenziale e un oleolita spagirico